clara mallegni

 Note Biografiche

Clara Mallegni è un’artista poliedrica e originale; pittrice scultrice, nasce a Viareggio, vive e lavora a Marina di Massa.
Fin da giovanissima si dimostra versatile nel disegno e nelle arti in genere, ma non frequenta scuole artistiche ne corsi accademici. Per molti anni la visione dei suoi lavori è riservata ai soli amici e conoscenti.
L’incontro con il critico d’arte Lodovico Gierut e la frequentazione di altri letterati e artisti, arricchiscono enormemente il suo bagaglio di esperienze e quelli che seguono sono anni di lavoro accanitissimo ricchi di soddisfazioni.
La costante della sua ricerca nell’utilizzo dei materiali più disparati, spazia dal figurativo all’astrazione, dal collage alla scultura, con simboli costantemente presenti. Il ” suo” archetipo, utilizzato con frequenza, è una figura umana in volo che fa pensare persino ad un gabbiano, quei gabbiani che lei ama tanto e le fanno compagnia ogni giorno durante le sue lunghe passeggiate sulla spiaggia.
Ha opere in luoghi pubblici e privati di rilievo: nella Casa Museo Ugo Guidi -Forte dei Marmi, Fondazione “la Versiliana” -Marina di Pietrasanta, Teatro Manzoni- Massarosa, Museo Mandralisca- Cefalu, Ospedale Pediatrico Apuano- Massa Carrara, Consolato Italiano – New York, Carlo’ s Bakery “the Cake Boss” New York, Museo MO.CA Montecatini Terme; così come, sempre in maniera stabile, ha sculture nella sede del Consiglio della Regione Toscana- Firenze, alla Fondazione Nazionale Carlo Collodi ed a Massa, Marina di Massa e Bocca di Magra in spazi pubblici, a Fosdinovo ha posizionato una scultura monumentale“Veleggiando tra Liguria e Toscana”
Tra i collezionisti privati si segnalano il manager Corrado Passera, lo storico e critico d’arte Vittorio Sgarbi, il premio Oscar Lindy Hemming.
Della sua arte hanno scritto, tra gli altri, Lodovico Gierut, Marilena Cheli Tomei, Massimo Laschi, Vittorio Sgarbi, Max Baroni, Vittorio Guidi, Daniela Marzano, Giacomo Mozzi, Mirko Clemente, Stefano Giraldi, Giacomo Bugliani, Romano Bavastro, Gianni Lorenzetti, Bruno Ialuna e altri.
E’ stata la prima artista a interpretare l’evento atmosferico che nel 2015 ha ferito gli spazi pinetati del “La Versiliana”, con un’opera, donata giorni dopo alla specifica Fondazione di Marina di Pietrasanta.
Fa parte del comitato artistico documentario Gierut, con il quale collabora fattivamente.
Tra le mostre più recenti si segnalano le personali “ma vie en rose” a Pietrasanta nel 2015, “in perpetuo volo” a Bocca di Magra nel 2016, “sogno di vedere nascere l’alba” a Firenze presso Regione Toscana, “nel blu dipinto di blu “al Palazzo Ducale di Massa 2017, Il Fuoco nell’acqua Palazzo Binelli Carrara, Terra Ferro e Fuoco presso lo storico Lavatorio di Sarzana nell’estate 2018 , dopo essersi qualificata finalista nella sezione scultura al Premio Internazionale Michelangelo e dopo essere stata insignita del Premio Internazionale alla Parola a Firenze, e vincitrice al concorso
Internazionale “Ligures” del premio Regione Liguria 2018.
Il 2019 la vede protagonista di una mostra personale a Collodi “attualMENTE” pinocchio, e di un’altra personale “Corsari” al Museo Ugo Guidi di Forte dei marmi.
Vince a Lerici il prestigioso Trofeo “Ligures” nella rassegna internazionale d’arte Premio Ligures.
Di rilievo pure le partecipazioni a mostre collettive a Cefalu in Sicilia, Pietrasanta, New York -Manhattan, Torre del Lago Puccini, Zamosh- Polonia, Chiang Rai- Thailandia e ancora Firenze, Genova, Torino, Lucca, Francoforte, Pistoia, Carrara.
Inserita nel C.A.M. 51 Catalogo Arte Moderna edito da Giorgio Mondadori.
Vincitrice al Concorso Internazionale “Ligures” del premio Regione Liguria 2018.
Varie le testate giornalistiche, anche specializzate, che si sono occupate della sua attività.
Autrice di copertine per riviste e libri, è dedita anche alla fotografia e alla scenografia e al teatro.
Ha documentatazioni in numerose Biblioteche e Archivi sia in Italia sia all’estero.

 Biographical Note

Clara Mallegni is a creative and versatile artist. A painter and sculptor, she was born in Viareggio and currently lives and works in Marina di Massa. Although she has shown a natural inclination towards drawing and the visual arts since she was a child, Clara has never enrolled in art schools or for academic courses. For many years, only a handful of friends and acquaintances have had the chance to admire her works. The crucial encounter with the art critic Lodovico Gierut and the collaboration with other artists have been a turning point in her career, which from then onwards has been particularly intense and rewarding.
Clara Mallegni loves experimenting with a variety of methods and materials, and her artistic language ranges from the figurative field to abstract modes, from collage techniques to sculpture. At the same time, there is a fil rouge running through her creations: an ever-recurring, “personal” archetype embodied by a human figure about to take flight. This figure also seems to evoke a seagull, a bird that she particularly likes and often comes across during her long walks on the beach.
Her artworks have been hosted by public and private institutions, such as Casa Museo Ugo Guidi (Forte dei Marmi), Fondazione “La Versiliana” (Marina di Pietrasanta), Teatro Manzoni (Massarosa), Museo Mandralisca (Cefalù), Ospedale Pediatrico Apuano (Massa Carrara), the Italian Consulate in New York, Carlo’s Bakery “The Cake Boss” (New York), Museo MO.CA (Montecatini Terme). Her sculptures have joined the permanent collections at the premises of the Consiglio della Regione Toscana (Firenze) and the Fondazione Nazionale “Carlo Collodi” and can also be seen in public areas in Massa, Marina di Massa and Bocca di Magra. Among private collectors are Corrado Passera (manager), Vittorio Sgarbi (art critic and historian), and Lindy Hemming (Academy Award winner). Attention to Mallegni’s pieces of art has been drawn by, among others, Marilena Cheli Tomei, Lodovico Gierut, Massimo Laschi, Vittorio Sgarbi, Max Baroni, Vittorio Guidi, Daniela Marzano, Giacomo Mozzi, Mirko Clemente, Stefano Giraldi, Maile’ Orsi, Fabrizio Gatta, Bruno Ialuna, Pier Francesco Bernacchi, Antonella Gramigna, Romano Bavastro, Gianni Lorenzetti, Giacomo Bugliani, Fabrizio Borghini, Loris Marchi, and Stefano Acconci.
Clara Mallegni was the first local artist who responded with empathy to the devastating storm that in 2015 decimated the pine forest growing in “La Versiliana”, a well-known foundation in Marina di Pietrasanta, to which she soon donated one of her objets d’art as a sign of solidarity. She is an active member of the “Comitato Archivio artistico-documentario Gierut”. These are the titles of some of her latest personal exhibitions: “Ma vie en rose” (Pietrasanta, 2015); “In perpetuo volo” (Bocca di Magra, 2016); “Sogno di vedere nascere l’alba” (at the Regione Toscana’s seat in Florence); “Nel blu dipinto di blu” (Massa, 2017).
In 2017 the Azienda Vinicola “Terenzuola” in Fosdinovo hosted her monumental sculpture “Veleggiando tra Liguria e Toscana”. In the summer of 2018, her exhibit “Il Fuoco nell’acqua” was organized at Palazzo Binelli in Carrara, while the historic Lavatorio in Sarzana welcomed her “Terra Ferro e Fuoco”. In the same year, she won the “Ligures” international contest (Premio Regione Liguria 2018), qualified among the finalists for the “Premio Internazionale Michelangelo” (Sculpture Session) and was awarded the “Premio Internazionale alla Parola” (Firenze). Year 2018 was rounded off for Clara with “Rebus 5/7”, an art show that she put on in collaboration with Michele Bertellotti and which was held at Palazzo di Giano, a high-profile venue in Pistoia. In 2019 she won the “Trofeo Ligures” (Premio Internazionale Ligures 2019) and was present with two further personal exhibitions: “AttualMENTE Pinocchio”, at the Parco di Pinocchio in Collodi, and “CORSARI”, at the Museo Ugo Guidi in Forte dei Marmi. Finally, Clara’s participation in collective exhibits in Italy and abroad is worth mentioning, i.e. in Cefalù (Sicily), Torre del Lago Puccini, Pietrasanta, Florence, Lucca, Carrara, Collodi, Pistoia, Genoa, Turin and Manhattan (New York), Zamość (Poland), Chiang Rai (Thailand), Frankfurt (Germany), and Brussels (Belgium).
Clara Mallegni’s name has been included in one of the Modern Art Catalogues published by Giorgio Mondadori (C.A.M. 51). Various trade journals, national and international libraries and archives have shown interest in her output. Her artistic language has also found expression in the creation of magazine and book covers as well as in the fields of photography, scenic design, theatre and cinema.